27 settembre 2007

In volo

Dopo aver parlato del mio peggior incubo, vorrei parlarvi del mio miglior sogno.
Per tutti i maliziosi che hanno pensato che il mio sogno più bello coinvolgesse le settanta vergini del paradiso islamico, vi posso dire che sbagliate.


Ma di poco. Quello sta al secondo posto e poi spiegherò perchè...


In effetti, il mio più bel sogno non ha nulla a che vedere col sesso, infatti è quello di volare.


E ovviamente non intendo volare su qualcosa (aereo, deltaplano, mongolfiera, gli abbondanti residui gassosi di un piatto di fagioli), ma da solo.


L'impareggiabile sensazione di leggerezza. Il vento fra i capelli, il vedere tutto lontano e piccolo.
Avvertire le brezze calde e fredde. Quelle che ti fanno salire e scendere.
Per riuscire a volare in genere bisogna essere in uno stato di sogno lucido, piuttosto difficile da raggiungere. Il sogno lucido è il momento in cui ci si accorge di stare dormendo e che quello che succede è un sogno, ma non ci si sveglia. La coscienza di essere in un sogno ci da il potere di cambiare quello che ci sta attorno.
Ed è così che, volendo, si possono avere le settanta vergini, ci si può vendicare di qualche torto, si può diventare invisibili o si può volare.
Ed è esattamente così che mentre sogno di camminare in pantofole in pubblico (altro brutto sogno ricorrente) mi accorgo di stare dormendo. Allora me ne infischio delle ciabatte, allargo le braccia e aspetto il vento. Dopo un po' le dita tremano sotto una leggera brezza e io posso sollevare i piedi. In poco tempo, come un aquilone, mi sollevo in aria e guardo tutto dall'alto in una pace infinita.
Dimentico qualcosa?
...
Ah, sì.
Perchè sognare di essere circondato da donne desiderose non si piazza al primo?


Principalmente perchè la sensazione di volare è impareggiabile ed è praticamente impossibile ricrearla da sveglio.
In secondo luogo il pensiero di essere circondato da settanta donne mi da una leggera sensazione di claustrofobia.
Ultimo, ma non per importanza, perchè il risveglio da un sogno in cui erano presenti le donne desiderose di cui sopra potrebbe non essere dei più piacevoli....
In ogni caso, se voi continuate a preferire quel genere di cose, Kris Wilson offre una nuova, interessante invenzione che gli estimatori non mancheranno di apprezzare.
Eccolo a voi:

10 commenti:

  1. allora il mio pisolino delle tre è un sogno lucido...grande kris!!

    RispondiElimina
  2. Volare è un sogno abbastanza ricorrente, lo faccio anch'io ogni tanto. Io però non mi alzo in volo da terra, ma mi butto dal balcone di casa, rimanendo sospesa e galleggiando dolcemente nell'aria. Hai ragione, è una bella sensazione.

    Volareee! Ooh ooh!

    RispondiElimina
  3. Ciao, come va? Sono mancata dalla rete per un po' per problemi tecnici..e ti ritrovo con un colore angiolesco..che è success?!!
    :)
    ps. la canzone dei pink floyd è nel film "The Wall", lo considero un capolavoro.

    RispondiElimina
  4. prova con il parapendio qualche sensazione simile te la può dare ,per le settanta vergini la vedo un pò più dura in quanto all'invisibilità piano piano la stiamo aquisendo stiamo diventando dei numeri,.non ci guardiamo più in faccia parliamo su internet siamo quindi quasi invisibili.ma è comunque bello sognare non ce lo toglie nessuno

    RispondiElimina
  5. atamir21:20

    "Sogna, ragazzo, sogna,
    passeranno i giorni,
    passeran le notti, finirà il dolore,
    sarai sempre tu ... "

    RispondiElimina
  6. C'è stato un periodo che sognavo di volare spesso ... forse adesso ho davvero qualche chilo di troppo e non riesco ad alzarmi da terra neanche in sogno ;)
    Gran bel "miglior sogno" :)

    RispondiElimina
  7. Cara Skiopone, c'è sempre qualcosa da scoprire sul fantastico mondo dei pisolini...
    ;-)

    Avrei un po' di paura a buttarmi dal balcone per prendere il volo Ross... mi sa che continuerò a fare una partenza lenta, non si sa mai...

    Fare parapendio rientra tra i miei sogni (insieme a quello di fare bunjee jumping, nonostante soffra terribilmente di vertigini) e mi sa che prima o poi lo farò...
    Per le settanta vergini il problema sorge sulla contemporaneità, ma inteso sul lungo termine.... magari...
    Essere indistinguibili non è esattamente come essere invisibile... Non si può mica entrare in uno spogliatoio femminile e fare come Zuzzurro e Gaspare che dicevano "Salve, sono finta di niente!".
    Oddio.. non c'ho provato ancora... potrebbe anche essere fra una cinquina d'anni.

    Beh, Popale, questo è un problema, ma ci sono diverse soluzioni:
    1) Sognarsi con l'aspetto di Brad Pitt (riunendo in pochi istanti i primi due sogni migliori che si possono avere),
    2) Sognarsi con le ossa cave (stile uccello), non è molto, ma è sempre uno sconto sul peso complessivo, mantenendo il proprio aspetto esteriore,
    3) Approfittare dell'elasticità della pancia per darsi lo slancio iniziale, rimbalzando per terra, e proiettarsi nello spazio siderale (come diceva Superman in inglese 'Op, op and far away!'). Poco elegante, ma funzionale...

    Mario l.

    RispondiElimina
  8. Il grassone maniaco di fumetti16:44

    Superman diceva "Up, up and away"!

    RispondiElimina
  9. Al McLaud16:46

    Secondo delle stime aggiornate della Nasa dovresti comunque già essere a buon punto con le 70 vergini in senso diacronico (o comunque con le 35 pulzelle con nomi strani, anch'esse contemplate come ricompensa in una versione apocrifa del Corano)

    RispondiElimina