28 dicembre 2007

I barbari (Vibo, VIII comandamento)

Natale: una tragedia che si poteva evitare, titolava tempo fa la rivista satirica Cuore.

Ebbene sì! Anche qui il caos regna sovrano.

I barbari (studenti ed emigranti) ridiscesi per le vacanze dalle remote regioni del nord (da Catanzaro, all'Islanda) vanno in giro spavaldi, insieme ai membri delle tribù locali e invadono le strade con le loro cavalcature (per lo più Mercedes affittate in Germania per mostrare "che lì i soldi si fanno", o Mini Cooper, per mostrare che anche se non si fanno i soldi, qui sappiamo come buttarli).

Le famiglie escono fuori dalle loro grotte grondanti di olio per garantire un sano diabete alla prole ipernutrita.

Tutti vanno da nessuna parte, ma molto in fretta (secondo l'espressione inglese "Going nowhere fast" o quella più nostrana "Facite ammuina"). Le vie, i marciapiedi, i negozi, i parcheggi sono intasati di gente dall'espressione incazzata e dai tratti che Lombroso non avrebbe esitato a descrivere come criminali.

La cortesia (merce già di per sè rara) non dimora più nei negozi, e i commessi che ti servono lo fanno controvoglia e ci tengono a dimostrarlo in ogni gesto.

Sulla radio, qualunque radio, passano solo canzoni natalizie che parlano di felici natali in famiglia, bastoncini di zucchero che piovono dal cielo e allegria che sprizza dentro e fuori i cuori della gente meglio dei blocchi di colesterolo da strafritto natalizio.

E io invece dico basta!
Attenzione, non dico che il Natale dovrebbe essere abolito: la mia avidità mi impedirebbe una simile affermazione.

Abbattiamo, invece, l'ipocrisia!

Togliendo la parte religiosa e quella del riunirsi obbligatoriamente tra famiglie e lasciando solo il lato consumistico della questione, credo infatti che sia un'ottima festa.

Fortuna vuole che siamo sulla buona strada per realizzare i miei propositi...
E' solo questione di tempo.

Quindi: EVVIVA IL NATALE!!!
FELICE CAPODANNO!!!

Per chiudere, e per entrare pienamente nello spirito festivo, consiglio l'ascolto di un cd dei Vandals, gruppo punk-rock americano. Il cd è "Oi to the world!", speciale per Natale. Al suo interno spiccano canzoni come "Christmas Time for My Penis" (E' tempo di natale per il mio pene) e "Hang Myself From the Tree" (Mi impicco all'albero), che, lo confesso, mi fanno sopportare persino i commessi dell'Euronics che non ti guardano in faccia quando gli chiedi le cose.

Tanti auguri.

9 commenti:

  1. Per me il Natale si potrebbe abolire tranquillamente, visto che quello stronzo di Babbo Natale neanche quest'anno mi ha portato il mirino che gli avevo chiesto.

    Auguri!

    RispondiElimina
  2. Cara Ross, come vedi Babbo Natale era impegnato a prendere psicofarmaci e a rapire fratellini per darli in regalo....
    Non ti preoccupare comunque.
    Sei nella lista.
    Quale non si sa, ma ci sei...
    Auguri!!

    RispondiElimina
  3. Cinzia la Barbara21:55

    Cos'hai contro i miei pari..caro?? :P

    RispondiElimina
  4. Al McLaud18:31

    A Vibo ci saranno i barbari, ma a New York ci sono i vampiri...e sto per andarmeli a vedere...UAZ-UAZ-UAZ! ;-)

    RispondiElimina
  5. Al McLaud (incappucciato)01:21

    Interrompo il blog per un messaggio per gli illuminati: lui sa chi è, lui sa com'è, lui sa quand'è...

    Vampiri visti, ma non li consiglio.

    Un saluto dalla Uallera d'oro

    RispondiElimina
  6. ok eliminiamolo!...ma dico ti sei fatto + pigro che nn passi nemmeno x 1 saluto?

    RispondiElimina
  7. Cinzia la Barbara di "Rat-Maniana" memoria (se non sapete chi è Rat-Man non avete vissuto), con i tuoi pari ho molto in sospeso!
    Fortuna che non giro armato....

    Al McLaud, lo sospettavo io. Che t'ho detto? A parte il libro, è almeno un film d'azione? (dimmi tu se dopo Io, Robot, si sentono in diritto di stravolgere ogni bel libro esistente...)

    Ahiahiahi... Desaparecida, era da molto che non venivo bacchettato per il mio assenteismo. Spero d'aver recuperato. Comunque metto la costanza tra i buoni propositi per il nuovo anno...

    RispondiElimina
  8. Al McLaud Panebianco12:10

    Come film d'azione fortemente caratterizzato in senso horror rende bene, anche se, ovviamente, ha qualche smagliatura nella trama. Diciamo che più o meno per 4/5 la storia mi sta bene...è il restante quinto che abbassa la media.

    E con questo concludo la mia critica cercando di non rivelare niente. Per film più impegnati dovrai aspettare, in questo periodo sto vedendo solo spazzatura blockbuster!

    RispondiElimina
  9. Anonimo18:23

    C'era da aspettarselo a Natale un post del genere "carciofino sott'odio" da StranaMente...purtroppo, non ha tutti i torti al riguardo

    RispondiElimina