08 febbraio 2008

Scommetto che scoppia

Cinque e mezzo del mattino, Pisa.
Casa mia.
Qualcosa di cattivo si agitava nel mio stomaco. Tipo branco di piranha.
E io, di conseguenza, mi agitavo nel letto.

"Forse a pancia sotto... no."
"Pancia sopra... no."
"Di lato? Neanche."
"Se faccio il ponte, magari? Aspè... quasi...... quaaaaasiiii. Nonnò...."
"Lo premo. Premo lo stomaco e passa. Niente."
"Avanti suuuuUUUUuuu!!!!! CA#@O!!"

E' stato dopo venti minuti, quando il dolore si faceva più forte e si concentrava sul mio fianco destro che sono incominciati a venirmi i dubbi.
Colpa di House, credo.

"E' un calcolo. Non può che essere un calcolo. Quella fitta è chiaramente un sasso che sta passeggiando su e giù nel mio rene. Dovrebbe fare molto male un calcolo, no? Fa molto male? Sì, fa male. Ma è molto? E' un calcolo. Basta aspettare e passa. Certo fa male. Ma è male da calcolo?"

Dopo mezz'ora:
"E' appendicite. Sicuramente è appendicite. Un batterio ci cade dentro e PAM!!! Sono andato. Magari si perfora e muoio perchè non voglio preoccupare nessuno. No. Non si perfora. Scommetto che scoppia. E sto qui a pensare che è un calcolo e devo solo aspettare e poi è appendicite, e poi BUUUM! e non ci sono più. Neanche un acufene ad avvertirmi.
Tanto ora passa.
E PASSAAAAA!!!!"

Tre quarti d'ora dopo avevo le visioni.
Sognavo che qualcuno mi facesse un'ecografia.
Un medico. Camice bianco. Cartellina.


Dottore: "Ora le passo la crema. Sarà un po' fredda."
Mario: (rivolgendosi ai listelli di parquet) "Non c'è problema."
Dottore: "Tra poco vedremo cosa succede dentro di lei."
Mario: (sussurando lascivo al divano): "Mi esamini tutto..."
Dottore: "Ecco... vediamo.... oh! Ma è tutto chiaro!"
Mario: (parlando con le rotelle della sedia) "Cosa? Cosa è chiaro? Ci sono i sassi nei miei reni? Oppure la mia appendice sta per deflagrare? Sono i sassi, eh!? Dica sassi, su!"
Dottore: "Lo vede questo? Il grosso punto nero?
Mario: "Sì..... sembra un sasso, vero?"
Dottore: " E' un alieno."
Mario: "Un alieno? Non un calcolo o l'appendicite? Ne è sicuro?"
Dottore: "E' un bel maschietto."


L'alieno si agita nello stomaco mangiucchiando un altro pezzo di rene.

Mario: (in lacrime) "Sarò mamma!"

...

Devo smetterla di cucinarmi hamburger al sangue col burro per cena.


11 commenti:

  1. AAAh.. e dillo: hai ingurgitato una quantità enorme di burro :P
    Poi magari ci avrai messo la maionese, il ketchup..e, magari, avrai mangiato un gelato al caramello. Direi che l'alieno ha una sua orgine ben definita :D

    P.s Un consiglio: smettila di seguirti le puntate di Gregorio Casa :D

    RispondiElimina
  2. A quando il lieto evento? ;-)

    RispondiElimina
  3. Cara Nuvola, ho preso anche una birra con gli amici dopo per farmi altro male....
    Sissì, me sà che st'alieno aveva nome e cognome...
    E Gregorio Casa non smettero mai di vederlo!!!

    Ross, ora....
    *il petto esplode e il sangue cola sullo schermo*
    L'avevo detto che esplodeva...
    *muore*

    RispondiElimina
  4. io sono incinta veramente e di notte mi rigiro nel letto proprio come è successo a te... non per inquietarti, ma... ;)

    RispondiElimina
  5. Senti se il padre sono io vorrei chiamarlo Sigismondo ....

    RispondiElimina
  6. Livio, non si rispettano più le tradizioni?
    Io gli voglio dare il nome di mio padre se è maschio...
    Quello di tua madre se è femmina.
    Se è altro lo cestiniamo e ricominciamo da capo.

    Beh... MariCri, non ti invidio... non è che sono stato benissimo, quindi non credo mi piacerebbe essere in cinta... :-P
    Scherzo ovviamente!

    Mario l.

    RispondiElimina
  7. Senti non per essere insistente... a questo diamo il nome di mio padre(non so se capisci:P) se è maschio, e il nome di tua madre se è femmina....

    RispondiElimina
  8. Mary21:28

    Ho vissuto attimi come quelli che descrivi... sono stata tormentata dagli stessi dubbi.... :)
    Una pacca sulla spalla solidale!

    RispondiElimina
  9. Uè, risate a parte (e me ne sono fatte molte)...ma adesso stai bene?
    Lo spero! Ciao!

    RispondiElimina
  10. Livio, mi rifiuto di chiamare il nostro alieno Livio senior, quindi scordatelo...

    Grazie Mary, io sto ancora aspettando che si ripresenti il dolore per dare la colpa a un calcolo....

    Grazie mille Greg, per fortuna le minacce di andare all'ospedale sono riuscite a far scomparire il dolore quasi immediatamente.
    So come prenderli sti dolori io...
    :-P

    Mario l.

    RispondiElimina
  11. Al McLaud21:43

    ...io intanto ho preparato un bel fiocco VERDE da attaccare alla porta dell'obitorio.

    Si sa, queste simpatiche creaturine non nascono mai nel reparto di ostetricia, contrariamente a quanto si vede nei film(i) americani.

    Comunque il mostriciattolo lo chiameremo "Gorghl", o come diavolo saranno le tue ultime parole.

    RispondiElimina