17 marzo 2008

Il papa ha ragione.

Anzi no.
Scusate.
No, non è che il papa c'ha ragione.
E' che ora lo capisco un po' meglio.
Duro lavoro il suo.

Nikita, gattaccina infida e malefica, è entrata in calore. Me ne sono accorto giusto in tempo prima di ritrovarmi una cucciola-madre tra i piedi.
Da chi abbia imparato non si sa. So solo che un momento prima quando l'accarezzavi cercava di strapparti i mignoli a morsi, il momento dopo offre le pudenda e gnaula in maniera molto poco educata.

Per cui ora sta chiusa in casa, in attesa di essere portata dalla veterinaria.
E capisco il papa sì, perchè non è mica facile impedire ai gatti (figuriamoci alle persone) di fare sesso quando, quanto e come vogliono.
Che Nikita aspetta ogni spiraglio per uscire. E i gatti maschi randagi fuori fanno la parte degli uccelli in Hitchcock, rimanendo immobili a guardare la porta.
E io che cerco di fare il moralizzatore, dispensando urla ai gatti di fuori e prediche alla gatta dentro.
Ho provato a stimolare anche una coscienza, un'etica del proprio corpo, sviluppare i sentimenti sopra la passione, ho cercato di spiegarle i benefici dell'amore platonico, le ho lasciato i preservativi sul comodino!
Macchè...
I gatti moderni sò fatti così. Che mica danno ascolto a te. Che lo sanno loro come utilizzare il loro corpo.
E il loro pensiero va sempre là, e ormai comincia ad articolare le parole per farsi capire (come se i gesti non fossero sufficentemente espliciti).
Ma giusto mò che mi vogliono riformare la 194 la gatta mi va in calore?!
Dico io....

Tutto questo, comunque, sta incominciando a farmi pensare che non reggerei con una figlia femmina...

Povero Ratzinga...

25 commenti:

  1. Io questo problema ce l'ho con una colonia intera di gatte, fai tu. E ogni anno la popolazione felina del mio quartiere aumenta in modo esponenziale... Urge elaborare una politica di pianificazione delle nascite sul modello cinese, altro che la 194!

    RispondiElimina
  2. Sarebbe interessante ascoltare la predica che fai alla tua Nikita (o_O)... ma non essere troppo severo, sono giovani :P

    RispondiElimina
  3. ci sono molte citta' estere in cui il municipio si occupa di sterilizzare e castrare i gatti randagi

    RispondiElimina
  4. Se vuoi Ross ti mando qualcuno dei ghiottoni che arriva sul mio sito cercando modi per cucinare i gatti...

    Lieve, non è detto che il prossimo post non riguardi proprio una conversazione con la cornuta in questione...

    Scusa Rinag, perchè cliccando sul tuo nome si arriva su un sito di scommesse on line?
    Comunque della sterilizzazione mi sa che mi dovrò occupare io...
    sigh...

    RispondiElimina
  5. Lo sai con questo post ti sei aggiudicato nuovi ricercatori..vero?

    RispondiElimina
  6. hai provato con il termometro?

    RispondiElimina
  7. Mi auguro Livio, che tu non stia suggerendo quello che io penso che tu stia suggerendo, perchè dopo porto te a spiegare alla veterinaria quello che è successo alla gatta che sembrerà molto più placida e soddisfatta.

    Cara Nuvola, per mia fortuna i pazzi non finiscono mai... :-D

    RispondiElimina
  8. .... beeeh, era stata proprio una veterinaria a suggerirmi questo metodo... fai te!

    RispondiElimina
  9. Al McLaud17:52

    ...forse era una zoofila!

    RispondiElimina
  10. ...spero di no ...ho portato tutti i miei gatti sempre da lei ...:PP

    RispondiElimina
  11. Scusa Livio, che altro senso (e preciso 'senso scientifico') avrebbe fare una cosa del genere ad una gatta?
    E poi con che coraggio utilizzeresti qeule termometro?
    Mi spiace per i tuoi gatti, ma tutto ciò mi sembra un po' sospetto...

    RispondiElimina
  12. mi aveva spiegato la presunta zoofila che questo (almeno per un po) calma la gatta, in attesa che ....finisca marzo insomma :PPP

    RispondiElimina
  13. Questo discorso sta prendendo una piega inquietante...

    RispondiElimina
  14. ....quale discorso non prende una piega inquietante quando siamo noi a parlare....

    RispondiElimina
  15. Al McLaud10:48

    Parole sante!

    RispondiElimina
  16. Potrebbe essere un'idea. Quest'anno a Pasqua, al posto di agnelli e capretti, tutti a mangiare gatti!

    RispondiElimina
  17. ...dicono che il sapore è simile a quello del coniglio ...

    RispondiElimina
  18. Livio: il sapore non so, ma se al gatto tagli la coda e la testa, una volta scuoiato dovrebbe essere quasi uguale al coniglio. Secondo me la metà dei cadaveri sui banchi delle macellerie sono felini.

    Ecco, mi sono lasciata trascinare nei vostri discorsi inquietanti...

    RispondiElimina
  19. sai Ross anch'io ho sempre avuto la stessa impressione ...e sono anche abbastanza sicuro che, qui in Turchia in qualche kebabbaro, mi sarà capitato di aver mangiato un bel kebab di gatto .....con tutto quel yogurt e salsa di pomodoro sopra e difficile rendersene conto...

    ...comunque ...è sempre un alternativa alla 194 o alla pianificazione delle nascite...

    RispondiElimina
  20. Al McLaud14:34

    ...il kebab con gatto credo sia internazionale, egr. Livio, anche se non lo si dice espressamente. Anche in Italia non si scherza, se pensi che i vicentini sono appellati "magna gatti" (e potete avere un'agghiacciante conferma su: http://alcuoco.splinder.com/archive/2006-01). Ad ogni modo, pur senza tirare in ballo Cina e Corea, il gatto ha il suo bel successo gastronomico anche nell'America Latina, come testimoniato da questa foto (http://www.fotopg.com.br/Imagens/Funny.aspx/?Churrasquinho_de_Primeira+965&Grupo=3) proveniente dal Brasile. Senza tanti giri di parole, l'abominevole titolare della bancarella annuncia al mondo: "Arrostino del Cearà (una regione del Brasile) di gatto siamese allevato con scatolette. Non ha mai mangiato topi". Beh...almeno questa è trasparenza! ;-)

    RispondiElimina
  21. ...questo mi fa sentire molto meglio...allora la prossima volta che noterò un sapore "diverso" nel mio kebab, mi gusterò il momento pensando che sto assaggiando una specialità tipica sud americana
    ....beh mario allora come hai visto... .... quando è che ci inviti a cena?

    RispondiElimina
  22. Ok. Ho trovato un modo per convincerla a non figliare. La minaccia della cucina.
    Qui è pieno di palati fini che non vedono l'ora di mangiare cucciolotti dalle carni tenere.
    Riferirò subito...

    Ross... sinceramente... da te non me l'aspettavo!! :-D :-D
    Beh.. poi c'è ancora chi si chiede com'è che con i miei amici finiamo a parlare di zombie per rilassarci...

    RispondiElimina
  23. Chef Mario: gatti piccini per palati sopraffini.

    O.O'

    ..

    RispondiElimina
  24. micio ripieno al forno con contorno di patate:
    ingredienti
    1 micio (preferibilmente di 6 mesi)
    100 gr di prezzemolo
    due spicchi d'aglio
    500 gr. di patate
    250 gr di riso
    3 pomodori
    3 cipolle
    250 gr di spinaci
    100 gr di broccoli
    olio d'oliva
    aceto balsamico

    RispondiElimina
  25. Al McLaud10:59

    Quando si dice "avere una bella gatta da pelare"...

    RispondiElimina