15 maggio 2008

Pomeriggio tipo

E' stato bandito il concorso notarile (nelle puntate precedenti si era scoperto che volevo fare il notaio), evento più raro delle olimpiadi e persino più difficile da sostenere.
La data dei test preselettivi sarà comunicata a fine settembre, quindi dovrebbero tenersi verso ottobre. 45 domande in 45 minuti. Basta un errore e devo aspettare il prossimo concorso.
Poi ci saranno gli scritti.
L'ultima volta su seimila iscritti sono arrivati agli orali circa 190 persone.
Per questo motivo in questo periodo sto studiando molto di più del solito.
Eccovene la dimostrazione, un mio pomeriggio tipo:(cliccare per ingrandire)

A chi non succede?

15 commenti:

  1. Succede anche a me, ma la sonnolenza mi viene verso le 15 e la fame nervosa verso le 18.
    Prima di cena mi sento un genio, una spugna pronta ad assorbire e comprendere tutto al volo! Per fortuna è una sensazione che dura poco...poi ritorno completamente impermeabile a qualsiasi nuova nozione!...son soddisfazioni! :)

    RispondiElimina
  2. J. Cole, ciao e benvenuta!
    Come avrai notato, avevo visto il tuo blog e lo avevo messo tra i preferiti, anche se ancora non ho commentato. Molti conoscono la mia ritrosia...

    Lo schema del fumetto può presentare (e nel mio caso presenta) numerose varianti, tutte indirizzate a perdere tempo. Mi riservo il diritto, da qui all'esame, di illustrarne la maggior parte.
    Tremenda la sensazione di risveglio prima di cena. Ti da l'illusione che volendo ce la potresti fare...
    Non è vero.
    :-D
    Mario l.

    RispondiElimina
  3. Anche il mio pomeriggio tipo è così, Però nel mio la sonnolenza delle 4 prosegue fino a prima di cena.

    RispondiElimina
  4. Il mio pomeriggio di ieri:

    Ore 14: distribuzione di libri, fogli di appunti e vari accessori di cancelleria sul tavolo. Livello di buona volontà: alto.

    Ore 14.05: ma prima fammi chiamare C., che è un po' che non la sento.

    Ore 14.35: fine telefonata.

    Ore 14.36: inizio della riflessione sul contenuto della telefonata.

    Ore 14.45: conclusione della riflessione: io gli uomini proprio non li capisco.

    Ore 14.46: inizio a studiare.

    Ore 15.20: pausa pipì.

    Ore 15.22: odo bau bau furiosi, latrati e ringhi provenire dal mio giardino.

    Ore 15.23: ignoro i bau bau furiosi, i latrati e i ringhi dal mio giardino. Sarà il cane.

    Ore 15.24: presa di coscienza che io non ho mai avuto un cane.

    Ore 15.25: discesa precipitosa delle scale per porre in salvo la tartaruga dall'attacco del cocker del vicino.

    Ore 15.30: consolazione della tartaruga con carezze e abbondante lattuga.

    Ore 15.31: ringraziamento della tartaruga con un morso. Parziale distaccamento del dito indice sinistro.

    Ore 15.32. ritorno in casa e medicazione.

    Ore 15.35: ripresa dello studio. Livello di buona volontà: medio.

    Ore 15.55: squillo del telefono.

    Ore 15.56: imprecazioni contro il piazzista telefonico di turno.

    Ore 15.57: proseguimento dello studio.

    Ore 16.10: crollo improvviso del livello di buona volontà.

    Ore 16.10-16.20: attività non registrate.

    Ore 16.21: ripresa faticosa della lettura-sottolineatura. Presa di coscienza che si odia l'argomento che si sta facendo finta di studiare.

    Ore 16.40: pausa merenda.

    Ore 16.50: che belli i cartoni animati!

    Ore 17: lenta migrazione verso la propria postazione di lavoro.

    Ore 17.05: pausa controllo mail.

    Ore 17.10: fissazione insistente del libro e tentativo di estrarne le informazioni che mi servono.

    Ore 17.30: fuori c'è un bel sole. Fa caldo, gli uccellini cantano, la natura mi chiama. L'analisi di bilancio può aspettare. Tanto c'è domani no?

    Ore 17.31: sparizione della sottoscritta nel vasto mondo esterno.

    RispondiElimina
  5. P!nk inside, la sonnolenza pomeridiana è così insidiosa che a me colpisce fin dalla mattina!
    Piccola bastarda....

    Ross, stupendo.
    Mi ritrovo in quasi tutte. Ci metto qualche controllo in più della mail e dei blog. Certo che se fai così comunque mi rubi il mestiere!
    E io poi che disegno?
    Vabbè... che modi di perdere il tempo se ne trovano sempre...

    RispondiElimina
  6. Sono piegata in due dalle risate!
    Aggiungerei il rumore che sento nell'atrio delle scale e io che mi fiondo all'occhiolino della porta per controllare e mooooooolto lentamente torno alla postazione!

    RispondiElimina
  7. Aspetta un attimo...IL NOTAIO? Sai come mi immagino un notaio? Pelato, seduto dietro una enorme scrivania di legno pregiato e circondato da scartoffie. Con lo sguardo sadico e le mani affusolate aspetta ansioso il prossimo pollo da spennare semplicemente con una firma.
    Ok questo è un po' troppo scontato...ma alzi la mano chi conosce un notaio artista che va ai conerto dei Verdena!

    PS:io preferisco di gran lunga il notaio artista!

    RispondiElimina
  8. Veronica, c'è da dire che non sono ancora notaio (e se continuo a "studiare" così la vedo difficile), comunque ti ringrazio della preferenza accordatami (detta così fa' molto compagnia telefonica)...
    Per quanto riguarda la trasformazione, come descrivevo nel post che ho linkato, avverrà credo alla fine del concorso, prima della nomina, o comunque vi provvederò io.
    Prima o poi dovrò entrare nel personaggio, o no?
    :-D

    RispondiElimina
  9. Al McLaud16:53

    Attenzione donne: Mario ha già pronto il kit "Notaio mannaro"!

    1) Mantello a ruota nero (con gobba incorporata).
    2) Monocolo da sole su misura.
    3) Dentiera con canini che nemmeno un Rottweiler e Nosferatu messi assieme.
    4) Bastone nero con teschio argentato montato sull'impugnatura.
    5) Lunghissima penna di corvo...
    6) ...appartenente a sanguinario corvo taglia XXL appollaiato sulla sua spalla.
    7) Calamaio con inchiostro a base di sangue umano (o di pollo, il che è praticamente equivalente in Italia - v. post precedente).
    8) Stampa-parcelle a nastro portatile.
    9) Mega-edizione dei quattro codici risalente al 1943 rilegata in pelle di neonato.
    10) Rasatura perfetta e scriminatura mod. "apartheid" su richiesta.

    Fa le prove fin d'ora (d'altronde per il concorso è essenziale) spaventando a morte Marcello quando può. Vi prego, fatelo smettere, oppure consigliate qualche altro fantastico "notar-gadget" che vorreste lui usasse quando vi accoglierà nel tenebrosissimo bat-studio!

    RispondiElimina
  10. Sulla spalla del magno notaro io ci vedrei bene un avvoltoio e aggiungerei un paio di canini ben grossi e appuntiti (il materiale di cui sono fatti è lasciato alla vostra immaginazione :D).

    Ora scusate riprendo a studiare: sono nel pieno della concentrazione perchè so che tra un pò vado a pranzare.
    :P

    RispondiElimina
  11. ..ah la dentiera con canini era già inclusa..pardon!
    L'età avanza ù.ù

    RispondiElimina
  12. Nuvola, non ti preoccupare: sulle mie spalle va bene qualunque essere, basta che sia addestrato ad uccidere!!

    Greg e sì.... *segue sguardo preoccupato ai libri*

    RispondiElimina
  13. Ciao! Ho trovato il tuo blog girando in rete. Mi piace molto :-D Tra l'altro mi rispecchio tantissimo nella vignetta. Anche io non so come fare a studiare anche se sono in periodo di esami..

    RispondiElimina
  14. Caterina, benvenuta e grazie!

    Penso che il problema principale (almeno per me) è che c'è una parte di me che è comunque sempre distratta almeno fino all'ora di cena...
    Se riesco a indirizzare "costruttivamente" (leggi: meno stupidamente) questa parte riesco a studiare (leggi: due minuti in più al giorno, sigh..).
    :-D

    RispondiElimina