14 aprile 2013

La Storia Fantastica

"Hola. Mi nombre es Inigo Montoya, tu hai ucciso mi padre: preparate a morir!"
(Prima di Antonio Banderas la Spagna era Inigo Montoya. E lui non è neanche spagnolo)
"La storia fantastica" è un film meraviglioso.
Risale al 1987, e quando ero bambino è capitato spesso di vederlo in tv, ma successivamente è scomparso, probabilmente anche a causa di una travagliata storia di diritti di riproduzione, e questo è un enorme peccato perché è veramente perfetto.
Il film riprende con grazia ed ironia tutti gli stereotipi dei racconti fantasy diventando il perfetto archetipo del genere.

(Peter Falk che "finge" di essere vecchio. Di quanto tempo fa è questo film esattamente?)
Per sottolineare l'ironia, il film non è esclusivamente un fantasy, ma inizia nella "realtà" dove Jimmy, un bambino ammalato per un raffreddore è costretto a rimanere a casa e riceve la visita del nonno che insiste a leggergli un libro. Solo a quel punto inizia il "vero" film.
La "realtà" durante il film torna solo di rado e non è abusata, nonostante sia usata per trasmettere il solito messaggio che "leggere è bello" in una maniera un po' semplicistica (non che sia contrario, ma un film che parla male dei videogiochi in favore dei libri sembra un po' ipocrita).

La storia del libro è volutamente ricca di luoghi comuni e prevedibili colpi di scena, ma il fatto che questi siano creati di proposito evita che siano scontati e noiosi, offrendo invece uno sguardo divertito sui clichè del genere.

A testimonianza della bravura degli scrittori, sono riusciti a fare entrare nel film senza creare la benché minima confusione:
La storia è leggera e gli attori scelti sono perfetti per le parti, anche se praticamente nessuno di loro ha avuto grandi ruoli al di fuori di questo film.
E' triste vedere come, invece, molti film fantasy attuali (Il cacciatore di giganti, Biancaneve, Il grande e potente OZ tra i tanti) sentano il bisogno di accompagnare enormi scene d'azione ricche di effetti speciali alle loro storie, invece di puntare su dialoghi ben scritti per funzionare, quasi che lo spettatore sia completamente incapace di prestare attenzione ad un film per più di cinque minuti senza un combattimento.
E sarebbero ancora accettabili le scene d'azione se non prendessero tutti diretta ispirazione dai film di Michael Bay:
BOOOOOOOM!
  •  In conclusione
Avendo rivisto questo film ad anni di distanza dalla prima volta posso confermare che mantiene intatto il suo charme, la sua gentile ironia e la leggerezza dei suoi personaggi, risultando piacevolissimo anche per degli adulti.
Altamente consigliato a tutti quelli che non l'hanno mai visto e anche a quelli che non lo rivedono da molto tempo.
La Storia fantastica si può trovare in dvd o blu-ray via Amazon.

2 commenti:

  1. Film poetico e divertente: da vedere ^.^

    RispondiElimina
  2. Anonimo01:31

    Confermo e sottoscrivo.

    RispondiElimina