28 settembre 2007

Aiutiamo il Myanmar


Nota: questo è un nuovo tipo di protesta on-line che usa i blog per diffondere una petizione a livello globale. Per partecipare, aggiungi il tuo blog seguendo le istruzioni che troverai in questo post.
Questa non è una questione di partiti politici, questo è un problema di diritti umani basilari e democrazia.
Per piacere aiutate a prevenire una tragedia nella Birmania/Myanmar aggiungendo il vostro blog e chiedendo ad altri di fare lo stesso. Facendo circolare questo meme attraverso la blogosfera probabilmente potremmo portare più sensibilità sul problema ed evitare una seria tragedia. Come cittadini del mondo, questo è qualcosa che i blogger possono fare per aiutare.

Come partecipare.
1. Copiare questo intero post nel tuo blog, compreso questo numero: 1081081081234;
2. Dopo alcuni giorni puoi
cercare con Google il numero 1081081081234 per trovare tutti i blog che partecipano a questa protesta e petizione.
Nota: Google indicizza i blog a differenti livelli, per cui è possibile che ci voglia più tempo perché il tuo blog appaia tra i risultati. Indipendentemente dalla traduzione il numero rimane identico e perciò valido.

La situazione nella Birmania/Myanmar e perché ci riguarda tutti.
Non c’è libertà di stampa nella Birmania/Myanmar e il governo ha incominciato a bloccare Internet e altri mezzi di comunicazione, per cui è difficile ottenere le notizie dall’esterno. Singole persone sul campo stanno mandando i loro comunicati alla BBC e sono sconcertanti.
Vi incoraggio a leggere questi resoconti per vedere da voi quello che sta succedendo nella Birmania/Myanmar (in inglese). Qui, invece, le notizie raccolte da Google in italiano sulla Birmania.

La situazione nella Birmania/Myanmar è sempre più pericolosa. Centinaia di migliaia di protestanti pacifici e disarmati, compresi monaci e monache, stanno rischiando le loro vite marciando per la democrazia contro una dittatura impopolare, ma ben armata che non si fermerà pur di continuare il suo dominio repressivo. Mentre i generali al potere e le loro famiglie sono letteralmente grondanti di oro e diamanti, la popolazione della Birmania/Myanmar è impoverita, privata dei diritti umani basilari, tagliata fuori dal resto del mondo e sempre più sotto la minaccia della violenza.

Questa settimana la popolazione della Birmania/Myanmar si è sollevata collettivamente nella più grande dimostrazione pubblica contro la dittatura militare dominante da decenni. È una dimostrazione di coraggio, decoro e democrazia attiva sorprendente. Ma nonostante queste proteste siano pacifiche, i despoti militari stanno incominciando a reprimerle con la violenza. Ci sono già state almeno alcune morti confermate, e centinaia di feriti gravi causati dagli scontri tra soldati e cittadini disarmati.

In numero attuale di vittime e feriti è probabilmente di gran lunga peggiore, ma le uniche notizie che abbiamo vengono da singole persone che riescono a far passare i loro resoconti attraverso il cordone imposto dalle autorità. Sfortunatamente sembra che presto potrà esserci un bagno di sangue su larga scala, e le vittime saranno per lo più donne, bambini, gli anziani e i monaci e monache disarmate.

Contrariamente a quello che i governi birmano, cinese e russo hanno affermato, questo non è solo un problema di politica interna, è un problema di importanza globale e colpisce la comunità globale. Come cittadini interessati non possiamo permettere che qualunque governo, in nessun luogo al mondo, usi la sua forza militare per attaccare e uccidere cittadini disarmati che stanno dimostrando pacificamente.

In questi tempi moderni, la violenza contro civili disarmati non è accettabile e se è permesso che accada, senza serie conseguenze per i suoi perpetratori, questo crea un precedente perché succeda ancora da qualche altra parte. Se vogliamo un mondo pacifico, spetta ad ognuno di noi opporre resistenza personalmente contro questi problemi fondamentali, dovunque essi si presentino.

Per piacere unitevi a me nel chiedere al governo birmano di negoziare pacificamente con i suoi cittadini, e alla Cina di intervenire per prevenire ulteriore violenza. E per piacere, aiutate a sollevare l’attenzione degli sviluppi della Birmania/Myanmar così che sia possibile evitare un disastro umano su larga scala.

Grazie.

P.s.: aggiungo anche il nuovo autoritratto (finalmente finito) in rosso per aderire a pieno alla petizione.

13 commenti:

  1. Grazie Mario, anche della traduzione. L'avrei fatta io (a vostro rischio e pericolo :p), se solo avessi avuto un secondo di tempo in più. Beh, grazie ancora.
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Grazie Mario, avevo postato la versione inglese ma la sostituisco con la tua traduzione :)

    RispondiElimina
  3. Grazie Mario per la traduzione, approfitto e pubblico sul mio blog. Ciao.

    RispondiElimina
  4. bene, sostituisco con la traduzuione. grande

    RispondiElimina
  5. Fatto....ogni piccolo pezzo è fondamentale x la riuscita del puzzle!
    GRAZIE

    RispondiElimina
  6. Ottima traduzione.
    Io son quello che ha fatto i badge
    Li ho anche ritoccati contrastando di più il rosso se ti serve.
    Ciao

    RispondiElimina
  7. Grazie mille per la traduzione! Ottimo lavoro

    RispondiElimina
  8. Mi scuso con le persone a cui mi ero dimenticato di passare l'informazione... ho avuto una giornata un po' impegnata dopo quei cinque minuti per tradurre il testo... :-)
    Ringrazio tutti quelli che hanno aderito alla richiesta e pubblicato la petizione (in originale o in traduzione). Con una ricerca che includa i risultati omessi (perchè solo apparentemente ripetuti) su google escono già 130 siti, rispetto alla decina di stamattina.

    Sul piano politico potrà non avere grandissima rilevanza, ma fortunatamente internet è una grande forma di informazione, sempre più difficile da ignorare.
    Mario l.

    RispondiElimina
  9. Non male il nuovo autoritratto! Ciao ciao, buona domenica.

    RispondiElimina
  10. Sono riuscita a linkare il tuo post, e ho potuto aggiungerne altri partendo da chi ti ha commentato qui. Sei il n° 52
    http://apiedinudi.wordpress.com

    RispondiElimina
  11. bello l'autoritratto in rosso

    RispondiElimina
  12. Al McLaud16:43

    Non ti somigghja pe nnenti! ;-)

    RispondiElimina