08 aprile 2020

Perché il Coronavirus non c'entra nulla con il 5G

"Tutti hanno diritto di avere la loro opinione, ma non i propri fatti."
Daniel Patrick Moynihan


Molti decideranno se vale la pena leggere questo post leggendo solo il titolo, chiaramente non sto già parlando con loro. Molti altri faranno una decisione simile non andando oltre le prossime quattro righe, per cui, chi ha fretta di capire se ho torto io o ragione loro, questo è il succo di quello che state per leggere:
E' vero che esiste un complotto organizzato di nascosto da una potenza mondiale per nascondere la verità sul 5G ed il suo rapporto con il Covid-19, ma non è come pensate.
La Russia sta facendo guerriglia economica di disinformazione mettendo in giro false notizie su fantomatici rapporti tra virus e onde elettromagnetiche, per ottenere una posizione di superiorità tecnologica contro gli Stati Uniti. Altre persone più o meno consapevolmente e/o dolosamente ci hanno creduto e rilanciato il messaggio, ma non c'è niente di vero.
Prova che il 5G non ha nulla a che fare con il Coronavirus è il fatto che questo si è diffuso in zone come l'Iran e il Giappone dove il 5G non c'è ancora.
I cellulari non hanno alcuna correlazione con il cancro, quindi il 5G non solo non ha nulla a che fare col virus, ma non fa neanche venire il cancro. Vedi immagine che rappresenta il numero di cellulari con l'incidenza del cancro nella popolazione:

(Immagine presa da questo articolo della Royale Gazette)


Per i tre che sono rimasti a leggere, questa è la versione completa, con fonti, approfondimenti e rimandi.

17 gennaio 2016

Storie d'amore e di buche nel deserto

Ho già parlato di come nel Vecchio Testamento ci fosse poca dimestichezza su come trattare le donne parlando dell'esperienze del giovane Onan con la sua moglie di seconda mano (cliccate qua se volete sapere perché veniva chiamato l'incula capre) e delle figlie dell'anziano Lot (cliccate qui se invece volete sapere perché hanno deciso che giacere con il loro stesso padre dopo averlo fatto ubriacare fosse una buona idea)

Questa volta, invece, si parla di amore.
Cioè... più o meno.
Si parla di sesso, candele profumate e buche scavate nel deserto di notte per nascondere cadaveri.
Parlerò, insomma, di Sara e Tobia.

08 novembre 2015

Degli opposti in New York

Quest'anno, a settembre, sono stato a New York e posso dire che vista da vicino c'è qualcosa di veramente particolare.

(Ho trovato finalmente il piripicchio di Google Maps! Oppure lui ha trovato me?)
New York ha una natura duplice e contrapposta: vicino e lontano, piccolo ed enorme, il singolo e la folla.

28 luglio 2015

Suicide Squad: Slipknot e Boomerang

Vediamo di toglierci di mezzo due tra i meno interessanti membri della squadra: Slipknot e Capitan Boomerang.

(no, sul serio, questo era il suo costume originale)

Slipknot (il cui nome in italiano vuol dire 'nodo scorsoio') ha, nelle immagini classiche almeno, due buchi per l'aerazione sotto le ascelle, il disegno di un cappio intorno all'ombelico e il suo potere (se così si può chiamare) è quello di aver fatto una corda estremamente resistente e saperla usare.

17 luglio 2015

Suicide Squad - l'estetica

Continuando il discorso appena iniziato, e prima di addentrarci nelle storie dei singoli personaggi, può valere la pena dare un'occhiata allo stile che sembra abbiano voluto dare a questo film (almeno, dal trailer e dalle immagini finora trapelate).

Per avere un discreto punto di raffronto andiamo sul conosciuto:


14 luglio 2015

Suicide Squad

Pensate alla DC Comics.
Poveracci loro hanno una caterva di personaggi e di storie da raccontare, ma non gli riesce, ma manco per caso, di fare un film decente sui loro personaggi, a meno che non si parli di Batman.
(Dal 1989 salva la faccia alla DC Comics, se non è un supereoe lui...)

07 luglio 2015

Parabeni, fanno bene?



Si parla tanto di parabeni nell’industria cosmetica e di quanto siano dannosi i prodotti che li contengono.
Ma c'è qualche fondamento di verità in tutto questo?
Ho fatto un po' di ricerche e il risultato forse vi stupirà...

Innanzitutto: Cosa sono i Parabeni?

(tipico Parabene allo stato brado)

05 ottobre 2014

Lucy - una recensione

"L'uomo medio usa solo il 10% del proprio cervello. Immaginate cosa potrebbe fare lei con il 100%"

(indossare una parrucca?)

A quanto pare... non molto?
Devo dire che dopo L'uomo d'acciaio onestamente non credevo che ci sarebbe stata una simile delusione delle aspettative così presto.
Voglio dire: Luc Besson, uno dei miei registi preferiti per la sua capacità di fare film d'azione avvincenti, originali e divertenti (e non scordiamoci del suo film di fantascienza, Il quinto elemento) e in generale la sua bravura nel creare personaggi femminili forti e credibili, uno dei pochi, se non l'unico nel mondo dei film ad altissimo budget a farlo (saluto doveroso va a Ridley Scott per la parte di Sigourney Weaver in Alien).

Questo film, invece?

14 settembre 2014

Grand Budapest Hotel - una recensione

"Sei davvero uno schianto, tesoro, dico sul serio. Non so quale crema ti abbiano messo giù all'obitorio, ma ne voglio un po' anch'io."
(un vero gentleman fa sempre i complimenti alle signore, anche da morte)

Difficile da raccomandare e difficile da non raccomandare.
 

"Grand Budapest Hotel"

Immaginate un film con Ralph Fiennes, Edward Norton, Willem Dafoe, Jude Law, Jeff Goldblum, Tilda Swinton, Adrien Brody, Harvey Keitel (praticamente una passerella di Hollywood da solo).
Una commedia spassosissima, recitata serissimamente.
Un film leggero, ben fatto e stupefacente.
Di cui nessuno parla.

Tranne noi, dopo il trailer, ovviamente.


18 agosto 2014

Questo è il motivo per cui non possiamo avere cose buone.

Questo fumetto non è mio, ma di un tale "Maki", autore dei blog/fumetto Sci-ence e Boxplot, ora l'originale non più su internet, io ho solo fatto la traduzione (leggete anche il commento sotto):
(Cliccare sull'immagine per ingrandire)

Traduzione del commento originale:

"Lo so, lo so. Il fumetto di oggi è particolare. Mentre lo stavo disegnando, ho notato che dovevo fare continui passi indietro per cercare di spiegare le idee. Quando sono arrivato a disegnare lo spettro elettromagnetico con photoshop, ho detto "Questo, è troppo. Ora stiamo scendendo a livello delle scuole medie." Questo significa che quando il pubblico è disinformato  sulla scienza di base, si devono fare grossi fumetti esplicativi. Se sembro arrabbiato, è perché ho dovuto disegnare diagrammi con atomi e arcobaleni invece di tumori del sedere.