06 marzo 2008

I "cibridi" col senno di prima

Vorrei parlarvi dei "cibridi", gli embrioni chimera, se qualcuno ancora se ne ricorda. Ma vorrei prenderla alla larga. Seguitemi se avete pazienza, semplificherò un po' le cose per motivi di spazio.

Molti fra voi probabilmente sanno già che i Testimoni di Geova non possono ricevere le trasfusioni di sangue a causa del loro credo. I termini esatti di questo divieto, le ragioni, spesso non le conoscono neanche loro. Provare per credere.
Io l'ho scoperto una volta che, andando in treno, ho incontrato marito e moglie, entrambi neo-convertiti e molto ferventi, che volevano convertire anche me.
Io sono donatore di sangue. Gliel'ho detto. Loro sono rimasti interdetti, non se l'aspettavano.
Ne ho approfittato per dare il colpo di grazia e ho chiesto se loro sapevano perchè non si poteva no accettare le trasfusioni.
Non lo sapevano.
Se volete fare bella figura leggete questo articolo. E' fatto estremamente bene, molto documentato e ben scritto. Anche se un po' lungo merita.

All'interno di questo articolo ho trovato anche un'altra curiosità.
Tra i Testimoni di Geova è stato vietato per un certo periodo il trapianto di organi e l'uso dei vaccini (quest'ultimo dal 1931 al 1952). Qualcuno ha detto che orrore?
Quanto può essere stupido proibire anche i vaccini? Che senso può avere?
Aspettate.

Per creare un vaccino, almeno una volta, si usava prendere il sangue (o il pus, farà schifo, ma ha salvato molte vite) di mucche (da cui vaccino, appunto) infette dal vaiolo. Questo sangue conteneva il virus però in uno stato inerte, più facile da combattere per l'organismo umano, nel quale veniva iniettato, che così poteva creare degli anticorpi validi anche per la versione più aggressiva del virus.

Cosa hanno detto i Testimoni di Geova?
"Le Scritture [...] proibiscono ogni tentativo vòlto a creare degli ibridi di esseri umani e di altre creature, anche se si dovesse trattare di creature del reame celeste, come nel caso degli angeli che peccarono prima del diluvio, abbandonando la loro posizione e prendendo per se stessi delle mogli fra le figlie del genere umano [...] Nelle vene degli animali non deve scorrere il sangue di nessun essere umano, né deve scorrere il sangue delle bestie nelle vene di quelli che sono stati creati a immagine e somiglianza di Dio.".
Dopo facevano l'esempio di una spedizione che voleva far accoppiare umani con Orang-utan e cita la Bibbia: "non devi dare la tua emissione ad alcuna bestia per divenirne impuro, e una donna non dovrebbe stare davanti ad una bestia per avere rapporti sessuali con essa. È una violazione di ciò che è naturale'. - Lev. 18:23"
Ecco.
Il vaccino è la stessa cosa che far accoppiare uomini con animali. E questo è vietato.
Nessuno ha pensato che qualche millennio fa, in una regione poverissima, quasi completamente analfabetizzata, dedita alla pastorizia, queste potessero essere anche regole sanitarie/comportamentali. Ci mancherebbe. Chiaramente Geova pensava ai vaccini tremila e passa anni fa.

Poi però aggiustano il tiro. Una ventina d'anni dopo, ma l'hanno fatto.
E dicono che il vaccino ha a che fare più col divieto di mangiare sangue (sempre nel Levitico, ed è il divieto che tutt'ora impedisce la trasfusione), ma che comunque un vaccino non è come mangiare del sangue animale, per cui se ne ammette l'uso.

Quindi ricostruendo.
Non si ammette l'uso dei vaccini perchè questi uniscono sangue umano e animale.
Successivamente se ne riconosce l'utilità e il divieto viene rimosso. Unire animale e uomo non è più peccato.

Torniamo a noi.
Alla fine del 2007 in Inghilterra forse si è trovato un metodo per facilitare la ricerca sulle cellule staminali giovani. Il grosso problema per creare embrioni per la ricerca da cui trarre staminali giovani è che gli ovociti umani sono limitati numericamente e di difficile accesso, senza contare i limiti già presenti sullo studio su embrioni umani. La soluzione è svuotare del materiale genetico un ovocita di coniglio o mucca e inserire dna umano. Da qui iniziare la ricerca sulle staminali giovani.

La peculiarità e il vantaggio di una staminale giovane è quello di essere "indifferenziata", ed essere quindi in grado di specializzarsi a seconda del gruppo di cellule a cui viene accostato. Semplificando molto, se metti una staminale nel cervello quella diventa cellula celebrale e può aiutare a curare l'alzheimer. Immaginate voi il resto.
Una cellula staminale anziana, invece può riprodursi in cellule dello stesso genere (un muscolo non può diventare stomaco). Sono presenti anche negli uomini adulti, ma sono difficili da ottenere, sono in numero inferiore e non hanno la stessa duttilità.

Ora, grazie ai cibridi si potrebbe avere accesso a moltissime cellule staminali giovani. Utili per la ricerca e le eventuali cure.
Ma ovviamente è molto più semplice per la Chiesa Cattolica® opporsi a queste cose, con il solito atteggiamento ottuso, tanto assurdo da ricordare quello ostracista dei Testimoni di Geova contro i vaccini e le trasfusioni.

Per chiudere.
Cosa volevo dire?
E' importante fare attenzione a come ci vengono proposte le notizie. Anche io quando ho sentito parlare di embrioni chimera sono rimasto un po' sconvolto. Ma rileggendo la vicenda dei Testimoni di Geova, per un caso che ora ci sembra eclatante, mi chiedo se non facciamo dei grossi errori a fermare la ricerca sempre e comunque, e a gridare allo scandalo e all'offesa alla vita, quando adesso potremmo avere già sconfitto molte terribili malattie.
Cerchiamo di avere un po' di senno di PRIMA una volta tanto.

10 commenti:

  1. Mah...non so. Mi si rizzano sempre i capelli quando sento parlare di genetica e robe del genere...Come tu stesso hai suggerito, prima studio di più la faccenda e poi ti faccio sapere o_0

    RispondiElimina
  2. Ciao Lieve, l'attenzione è bene, ma l'ostruzionismo è male.
    Il blocco indiscriminato per ragioni religiose (a stento etiche) che la Chiesa sta facendo contro ogni ricerca in merito trovo sia eccessivo.
    Comunque credo sia importante discuterne anche per maturare una consapevolezza in merito.
    Grazie per l'intervento,
    Mario

    RispondiElimina
  3. sei incredibilmente perfetto nell'esporre queste considerazioni non semplici!
    ;)

    RispondiElimina
  4. Grazie, Mimmo, ci provo...
    L'argomento di sicuro non si presta, però. :-D

    RispondiElimina
  5. E bravo Mario, se ti va male come notaio, giornalista d'assalto pure tu..altro che cerotti, qui si fa sul serio.
    Esposizione esemplare.
    Parlerò con la concorrenza (wordppress), magari t'assumono.
    ;)

    RispondiElimina
  6. Come al solito, speriamo che io possa continuare a fare giornalismo d'assalto anche da notaio ("che è meglio!" diceva puffo quattrocchi)...

    Complimenti anche a te per essere arrivata fino alla fine del post.

    Non pensavo che fossero in tanti a riuscire a leggerlo tutto e a trovarlo comprensibile (per non dire esposto bene!).
    Argomenti seri, al limite tra lo scientifico e il teologico spaventerebbero in molti...
    :-D

    RispondiElimina
  7. Il pericolo è il mio mestiere.

    ;)

    RispondiElimina
  8. Non è faticoso leggere ma prendere un'opinione a rigurdo.

    RispondiElimina
  9. Solo un appunto, una staminale non si definisce 'specificata' ma 'indifferenziata'. Le staminali embrionali sono infatti 'totipotenti' ossia contengono la potenzialità di differenziarsi in qualsiasi tessuto. Per il resto complimenti, molto bravo e interessante.
    Jo Mason - giornalista medico-scientifico

    RispondiElimina
  10. Benvenuta Jo! E grazie per la correzione, provvedo subito.
    In questi casi è importante usare il linguaggio corretto.

    RispondiElimina